Virginia Della Sala, carta e penna anche alle urne?

LArticolo di Virginia Della Sala, 13 marzo 2019Virginia Della Sala

Voto elettronico, voto digitale o voto alla vecchia maniera matita e cartoncino come in Italia. Virginia Della Sala prende spunto dal riaccendersi del dibattito su quale modalità di votazione offrire ai cittadini in Italia e racconta le abitudini degli altri Paesi.

Giornalista irpina, ha fatto la sua gavetta tra testate locali, Repubblica e Huffington Post, fino ad approdare a Il Fatto Quotidiano. Si occupa di ambiente, digitale e tecnologia ma anche di «problemi reali».

LArticolo analizza i sistemi di voto in vigore dall’Olanda, agli Usa, alla Svizzera cercando di trovare un’omogeneità nei risultati che sembra non esserci. Negli Stati Uniti il voto elettronico ha mostrato molte falle in quanto a sicurezza, e solo in Estonia sembra aver fatto aumentare il dato dell’affluenza alle urne in modo considerevole. Il dibattito è ancora in corso.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

copyright: immagine 1, immagine 2, immagine 3

Patrizia De Rubertis, pillole di economia

LArticolo di Patrizia De Rubertis, 21 gennaio 2019

pderubertis.jpg

Patrizia De Rubertis

Tra i tanti punti della manovra, Patrizia De Rubertis ne racconta uno lasciato nel dimenticatoio. Il fondo di garanzia sulla prima casa, un’agevolazione rivolta a chi non ha la disponibilità e la credibilità di fronte alle banche per aprire un mutuo, non è stato rifinanziato.

Patrizia De Rubertis, giornalista a Il Fatto Quotidiano, scrive di economia ma anche di sport e politica. Ha lavorato in televisione (Skytg24, Rai, La7), ma anche su carta stampata e web.

LArticolo scioglie la storia intricata del fondo di garanzia: istituito nel 2011, la sua vera attivazione è avvenuta nel 2015 e ha riscosso successo crescente, sia dal punto di vista delle richieste, che per lo Stato: solo per 14 finanziamenti è scattata la garanzia statale.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

copyright: immagine 1immagine 2, immagine 3